Barletta

Barletta, la città della Disfida

Barletta, la città della leggendaria “disfida” cinquecentesca, che rivive ogni anno a febbraio e a settembre. La città si accende dei colori degli stendardi e dei fuochi delle fiaccole, mentre il corteo di sbandieratori precede dame e cavalieri diretti al fossato dell’imponente Castello dove va in scena l’antico scontro cavalleresco.

Riconosciuta come città d’arte nel 2005, la bellezza di Barletta è nei suoi edifici, imponenti e pregevoli, nelle vie del centro storico, mai anguste, nelle chiese, nell’arte dell’impressionista De Nittis.

Che dire di Eraclio o “Aré”, nel dialetto locale? Impossibile passare su Corso Vittorio Emanuele e non notare il colosso di bronzo a guardia della Basilica del Santo Sepolcro e del suo tesoro, piccolo ma di eccezionale. Da sempre punto di incontro con gli amici, inevitabile una foto ricordo.

Anche il mare ha un grande fascino.

Appena oltre i confini del centro abitato, la spiaggia tendenzialmente sabbiosa vede un alternarsi di stabilimenti balneari e ampie zone libere. I fondali, per lo più bassi, la rendono ideale per le vacanze con i bambini ed è molto frequentata anche da sportivi che praticano surf, pesca ed immersione.

Sul lungo litorale tutti corrono: il tratto di ponente è stato ribattezzato “Lungomare Pietro Mennea” in ricordo del campione barlettano conosciuto nel mondo come la ‘Freccia del Sud’; il porto lo separa da quello di levante.

Non manca la movida. Per i giovani il divertimento è garantito da una miriade di pub, birrerie, pizzerie e ristoranti nel centro storico e sul mare. Poi eventi di ogni genere.