Il Museo Galleggiante di Bisceglie

Quello del mare è un mondo che non si vive solo in funzione della balneazione e il turismo nautico non ha per protagonista solo barche di lusso viste come segni di opulenza.

La nautica intesa come storia, cultura e tradizione rientra nella logica del Museo Galleggiante di Bisceglie, un museo diffuso nato da un’idea di Mimmo Cormio: una realtà dinamica e viva dove le barche non sono semplicemente messe in bella mostra ma impiegate per vivere percorsi esperienziali di marineria, eventi culturali d’ogni genere e per tutte le età.

Il visitatore del museo galleggiante è accolto con una visita alla “spiaggetta”, lo storico scalo d’alaggio delle piccole barche da pesca, con i suoi argani in legno tutt’ora utilizzati per alare le barche nei giorni di cattivo tempo o per lavori di manutenzione.

Gli è offerta anche la possibilità di completare l’esperienza a bordo dei gozzi da pesca per un breve giro in porto, carezzando l’acqua coi remi oppure navigando in mare aperto per una battuta di pesca. Uno storico caicco turco lungo 22 metri rappresenta una ulteriore opportunità per vivere la vocazione marinara di questo territorio; sarà visitabile, potrà accoglierci per una festa, per pernottare o per navigare.

La darsena della Bisceglie Approdi – Marina resort, a breve offrirà anche anche la possibilità di soggiornare in case galleggianti e disporre di mezzi elettrici per gli spostamenti. Si potrà attraccare gratuitamente per soste brevi in modo da consentire al diportista di fruire dell’offerta turistico culturale della città e visitare il centro storico coi suoi musei: Museo del mare, Museo etnografico, Museo Diocesano.

Grazie ai tanti bar e ristoranti nelle immediate vicinanze, sarà possibile anche farsi consegnare e consumare a bordo un pasto o l’aperitivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *